Tag Archive | omofobia

Pagina contro la violenza attacca mamme lesbiche.

Sostanzialmente una pagina contro la violenza sulle donne istiga all’odio verso due mamme lesbiche. Un nobel per la coerenza.

E questi sarebbero omofobi? No, non sono omofobi. Sono semplici teste di cazzo.

Annunci

Brucia all’inferno.

Io non mi sento di aggiungere altro… Devi bruciare all’inferno. Tu e gli altri coglioni che sotto ridevano. Mi aspetto almeno che la FEDERAZIONE si dissoci con un comunicato ufficiale.

Vi giuro, io non so più che dire. Quando vedo certe cose perdo TUTTA la speranza in un possibile cambiamento.

E noi pensiamo ancora al matrimonio gay sì, al matrimonio gay no, ai pacs, alle unioni civili… Ma chi ce lo fa fare. Pensiamo a scappare da questo schifo.

Coppia etero cacciata nel bar gay Never Mind.

Ci troviamo a Copenaghen, più precisamente nel bar gay Never Mind.

Una coppia eterosessuale entra, paga, beve e partecipa alla serata. E fin qui tutto tranquillo. Poi però la coppia si scambia un bacio e viene cacciata fuori (a calci in culo) dal buttafuori del locale.

«Il buttafuori ha sostenuto che una condotta del genere è inaccettabile in uno locale gay e che il Never Minds riceve molte email da parte dei clienti che si lamentano dell’elevato numero di eterosessuali che si recano in quel bar. Gli ho chiesto se non fosse lo stesso che dire che le persone di colore non si possono baciare dentro il Never Mind, ma mi ha detto di no e che il proprietario del Never Mind decide chi si può baciare e chi no nel suo locale».

La notizia ha cominciato a circolare sul web e quest’ultimo si è spezzato, accogliendo due ideologie differenti:

  1. È giusto lasciare che degli eterosessuali vengano discriminati in quanto tali, per essersi baciati in un locale gay. Considerando che ci discriminano ogni giorno, è giusto così;
  2. È immorale. Noi omosessuali combattiamo per l’uguaglianza dei diritti e poi siamo i primi a fare discriminazioni.

Io, ovviamente, mi ritrovo più vicino alla “seconda ideologia“.
Si tratta di una semplice coppia, venuta in un locale gay per passare una serata piacevole (e già da questo si capisce l’apertura mentale, non si tratta di omofobi), che viene cacciata solo per essere ciò che… è.
Non mi sembra giusto. Mi sembra immorale, da idioti. E si sa… Ci sono idioti etero ed idioti gay.

È passato un bruttissimo messaggio. Discriminare gli altri non è mai giusto, etero, gay, neri, blu, verdi e rossi che siano.

Omofobi? Solo gay repressi. La scoperta dell’acqua calda.

Basta condividere un bel link su Facebook, scrivere uno stato provocante, caricare un video o commentare un articolo che si apre la lotta:

  • I gay sono contro natura perché non possono riprodursi;
  • Il matrimonio è l’unione fra uomo e donna e non fra coppie dello stesso sesso;
  • Se mettiamo i bambini in mano ai gay poi diventeranno gay anche loro.

Ah, non scordiamoci poi dei commenti più fashion e alla moda, nonché culturalmente elevati in quanto tali:

  • Viva la fica;
  • Il duce schifava i froci;
  • I froci giocano a incularella.

Beh, per noi gay queste cose sono all’ordine del giorno, no? Eppure ci sono studi, su studi, su studi, su studi, che dimostrano che l’omofobia non è altro che il segnale lampante dell’omosessualità repressa di questi soggetti.

E non bastano gli studi, perché si continua a pensarla come sopracitato. I gay sono ancora contro natura, fanno diventare gay altra gente, sono pedofili e giocano a incularella. Ancora così. Non cambia niente.
E’ come ritrovarsi nel 1600, quando Galileo pronunciava a chiare lettere la propria teorie eliocentrica, difendendola con il metodo sperimentale.
E’ la terra a girare intorno al sole, lo sanno tutti, ci sono le prove (Roccia featuring Galileo cit.), ma nonostante questo dei coglioni continuavano ad affermare il contrario.

Cos’è cambiato fra il 1500 ed oggi? Assolutamente un cazzo. Perché gli studi scientifici sono tali SEMPRE, tranne quando riguardano gli omosessuali. Eh sì, perché in quel caso gli studi sono fuffa. Sbagliati e corrotti. Non validi.
Se oggi dici “Guarda che se sei un omofobo ci sono alte probabilità che tu sia un gay represso“, ti prendono per pazzo. Altro che dire che non c’era la terra al centro del sistema solare. Quelle erano pure discussioni a confronto.

Quindi beh, gli studi del New York times sono assolutamente inutili per me.
Perché non dimostrano niente. Perché non c’è niente da dimostrare. Perché è stato tutto già scritto.
Quindi mi chiedo… A che serve continuare a fare studi se poi questi non vengono riconosciuti?

Il New York Times dice che gli omofobi sono gay repressi?

E io rispondo:

Reazione di un bambino di fronte ad una coppia gay: Da vedere!

Avevo già visto questo video parecchio tempo fa ma oggi l’ho riscoperto. Quindi l’ho scaricato, ho aggiunto qualche sottotitolo e poi l’ho ricaricato su YouTube.

Il bambino del video si chiama Calen ed è dolcissimo. Rimane ingenuamente sorpreso quando capisce che i due uomini che ha di fronte sono una coppia. Ma non si fa problemi e con la sua semplicità mi fa sorridere tanto (:

Tanto per far capire che l’omofobia non è intrinseca dell’uomo…

Nichi Vendola: Serve una legge contro l’omofobia.

E’ terribile la doppia aggressione omofoba subita qualche sera fa da Claudio a Reggio Calabria: prima la violenza fisica per il pugno ricevuto sul viso, poi quella psicologica, in ospedale, da un infermiere che gli ha suggerito di “curare” la sua omosessualità. Sono molto vicino a Claudio e sento di dirgli che non è solo. Sono certo che venerdì prossimo, il 20 aprile, al sit in di solidarietà a Reggio Calabria, saranno presenti tante cittadine e tanti cittadini che dimostreranno sdegno per l’aggressione e affetto e sostegno nei suoi confronti.La strada da compiere è tanta ma il terreno non è del tutto arido, c’è un sentimento crescente che chiede avanzamento sul piano dei diritti, sicurezza, accoglienza, uguaglianza. Per questo alle parole devono seguire azioni conseguenti, altrimenti la semplice solidarietà resta insufficiente.
E’ necessaria una legge nazionale contro l’omofobia che non trattenga più l’Italia in una dimensione premoderna nella quale la violenza omofoba appare legittimata.

Nichi Vendola

Cosa aggiungere? Ha già detto tutto lui da sè… La legge contro l’omofobia serve eccome.
E non occorrono dimostrazioni di violenza come quelle avvenute su Claudio.

Ci sono già state troppe vittime. Non sono abbastanza?

E’ morto Daniel Zamudio.

Mi dispiace dare il buon giorno così, però blog vuol dire anche questo.
Ricordate quel ragazzo cileno picchiato dai nazisti omofobi solo perchè gay?
Daniel Zamudio si è spento dopo una lenta agonia a causa di un arresto respiratorio.

Daniel è una vittima dell’omofobia, dell’odio che alcuni hanno per chi ha un’orientamento sessuale diverso, e per noi è un martire civile”, ha dichiarato Jaime Parada, portavoce del movimento di liberazione omosessuale. “L’unica sua colpa è stata di essere nato come è nato”.

Io non posso ancora crederci.
In che mondo viviamo? E’ questo il posto dove far crescere i propri figli? Dove possiamo professare felicità ed amore?
Perché possiamo combattere per i nostri diritti, ma di fronte a certe cose non si può che sentirsi incazzati con il mondo. Perché non è giusto.
Non è giusto neanche un po’.